E' morto Omar Camiletti - jayyd news

E’ morto Omar Camiletti

Omar Camiletti
Giornalista
Convertito all’Islam dai primi anni ’90. Conferenziere e divulgatore, ha tradotto per la Newton Corporation ‘Le parole del Profeta’ (1997) e diretto ‘Islamica rivista online’. Da oltre 20 anni partecipa a dibattiti televisivi nazionali e internazionali come esperto delle realtà islamiche. Ha partecipato, inoltre, a numerosi convegni internazionali. E’ stato membro del Consiglio Islamico d’Italia, dal 1998 al 2002,  nel tentativo di stipulare l’intesa con lo Stato Italiano. Co-fondatore  del tavolo interreligioso di Roma.  Nel 2004 ha partecipato, con Pierangelo Buttafuoco, alla realizzazione del docufilm presentato a Salemi ‘I piccioti del Profeta’, regia di Fabio Tricarico, uscito in DVD nel 2010.
Giornalista pubblicista, ha collaborato a diverse testate dell’area di centro-destra, tra cui ricordiamo la sua collaborazione al ‘Secolo d’Italia’ con la rubrica ‘Musulmani d’Europa’ (fra il 2005 e il 2011). Guida alla lettura architettonica e culturale nella Grande Moschea di Roma.

Con grande dispiacere diamo notizia della scomparsa del nostro fratello Omar Camiletti che è ritornato ad Allah.

Ricordiamo il suo grande impegno nella nostra istituzione avendo egli assunto con entusiasmo il ruolo di Coordinamento dei seminari, ideando e approntando il primo di essi col titolo “ISLAM E IMMAGINARIO OCCIDENTALE” che avrebbe avuto avvio non appena la pandemia lo avesse consentito.

Nel rispetto della sua disinteressata ed entusiastica collaborazione con Unislamitalia, si è deciso di non oscurare dai nostri social e sito internet la sua presenza fino a quando non si sarà trovato un degno sostituto per portare avanti il suo progetto, che rimane per noi un impegno da onorare in sua memoria, Inshallah.

Partecipiamo con compassione al dolore dei familiari ai quali vanno le nostre più sentite condoglianze.

Preghiamo tutti perché Allah lo ricompensi per la sua dedizione e lo accolga in Paradiso.

La Presidenza

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *